Ipertensione da camice bianco e mortalità cardiovascolare

158

Come si sa l’ipertensione è associata ad un incremento dell’incidenza di mortalità cardiovascolare, ma esiste un’associazione dell’ipertensione da camice bianco con la stessa?

Abbiamo più volte parlato dell’importanza che ricopre il monitoraggio della pressione arteriosa per prevenire e combattere le malattie cardiovascolari.
La prevenzione deve essere il nostro primo pensiero, per questo è buona abitudine tenere bene monitorati i livelli dei pressione arteriosa. Vi ricordiamo che è molto importante guardare il proprio trend pressorio, più della singola misurazione, cioè l’andamento durante il tempo.
Ci sono varie occasioni in cui possiamo misuraci la pressione, tra queste c’è l’appuntamento con il medico di fiducia. Diversi studi evidenziano quanto sia importante però che il monitoraggio pressorio avvenga anche a casa, in un luogo familiare, perché nello studio medico, o comunque in ambito clinico si potrebbe avere un sensibile innalzamento dei livelli pressori causato da una specie di paura/soggezione del personale ambulatoriale di riferimento.
Quando questo accade si parla di ipertensione da camice bianco: una condizione frequente in particolare negli adolescenti e negli anziani.

Lo studio sulla mortalità cardiovascolare associata all’ipertensione da camice bianco

Gli esperti hanno messo a confronto come il luogo in cui vien effettuata la misurazione possa variare lo stato pressorio evidenziando un innalzamento nelle misure prese in ambito clinico, ecco perché viene definita ipertensione da camice bianco.

Sono stati considerati e messi a confronto 14 studi con un totale di oltre 2.9 00 partecipanti (tra cui 13. 538 normotesi, 4.806 ipertesi da camice bianco e 10. 756 ipertesi stabili), con un’età media di 59 anni. Dai risultati è emerso che i soggetti con ipertensione da camice bianco hanno mostrato una maggiore incidenza di mortalità cardiovascolare. Tuttavia, gli ipertesi da camice bianco mostravano mortalità molto minore rispetto ai pazienti con ipertensione arteriosa stabile.

È per questo motivo che noi di AMICOMED ci teniamo a raccomandarvi sempre che vengano effettuate delle misurazioni a casa, queste devono essere almeno 3 alla settimana e prese tutte in orari diversi della giornata. Prevenire è meglio che curare e misurare la pressione in modo costante ci aiuta a combattere in modo attivo tutte le malattie cardiovascolari.

Bibliografia scientifica di seguito: