Zucca e pressione arteriosa

1169

Zucca, ortaggio arancio che combatte l’ipertensione

Il consumo di frutta e verdura riduce il rischio di mortalità per le malattie cardiovascolari e per tumori, infatti, questi alimenti sono pieni di sostanze antiossidanti e di fibre che fanno bene all’organismo e soprattutto all’apparato cardiovascolare.
Un ortaggio presente nei nostri territori in modo abbondante, che non ha bisogno di particolari trattamenti  e che non viene molto considerato nella sue qualità benefiche per la salute è la zucca, la caratteristica della sua polpa , arancione o giallo brillante, fornisce le sostanze benefiche per il nostro organismo.
La zucca è un alimento ipocalorico: 100 grammi producono solo 18 Kcal, essendo costituita per il 95% da acqua, con 1,1 gr di proteine, 3,5 gr di carboidrati, 20 mg di calcio, 40 mg  di fosforo , elevate quantità di Vitamina A, C ed E e solo 0,1 gr di grassi.  In modo particolare è ricca di beta-carotene, precursore della vitamina A e responsabile del colorito giallo, che è un potente antiossidante con molte proprietà salutari, infatti aiuta a ridurre e controllare i livelli di pressione arteriosa. Anche i semi della zucca possono essere consumati , dopo la tostatura, in quanto contengono dei nutrienti importanti come la lecitina, la tiroxina, il fosforo e le vitamina  A e del gruppo B, anche esse importanti per il controllo dell’ipertensione arteriosa.
Se centrifugata la polpa di zucca produce un succo giallo/arancione  che può essere  consumato come bevanda con proprietà benefiche al livello gastrico in quanto riduce l’acidità dello stomaco e può essere usato come coadiuvante nelle gastriti, è inoltre indicato nella prevenzione e cura delle parassitosi intestinali. Essendo ricco di triptofano, un aminoacido precursore della serotonina, aiuta nel conciliare il sonno e combattere l’insonnia favorendo il rilassamento. Alcuni studi negli Stati Uniti hanno evidenziato delle proprietà antidiabetiche e antipertensive.
La popolazione americana sta vivendo un’epidemia di malattie metaboliche con elevato tasso di obesità  per diete ipercaloriche con smodati consumi di: grassi saturi e idrogenati, cereali raffinati, carboidrati complessi, bevande dolcificate e cibi salati, che hanno indotto le autorità politiche e sanitarie a richiamare le aziende alimentari ad una maggiore attenzione ai contenuti degli alimenti. Inoltre sono state finanziate delle ricerche mediche per dimostrare che il ritorno a una dieta tradizionale più ricca di fagioli, mais e zucca potesse produrre dei benefici.
Uno studio del gruppo di ricerca dell’Università del Massachussets, pubblicato sul Journal of Medicinal Food ha dimostrato che tra questi tre alimenti la zucca risultava essere il più efficace per controllare il metabolismo degli zuccheri, garantendo un buon equilibrio della glicemia, e nel favorire un riequilibrio del peso corporeo. La zucca si era dimostrata l’ortaggio più efficace nella prevenzione e cura del diabete e dell’obesità e dell’ipertensione arteriosa. Sulla rivista scientifica Chemistry  and Industry si è ipotizzato il ruolo antidiabetico della zucca in quanto potrebbe essere implicata nella riparazione delle cellule pancreatiche danneggiate dal diabete.
La riscoperta di questo alimento, forse un poco dimenticato nell’era dei fast food , economico e di facile disponibilità nel nostro territorio , può aiutare a vivere meglio ed in buona salute.

Scopri una ricetta gustosa, facile e light per presentare un buon piatto a base di zucca sulla tua tavola!

Bibliografia scientifica di seguito: