Un frutto per controllare la pressione arteriosa

132

Perché abbiamo bisogno della frutta fresca di stagione?

Fresca, colorata, succosa, la frutta dell’estate ci rigenera di tutti quei nutrienti che il caldo ci toglie. L’azione fisiologica della frutta estiva è infatti importantissima, la dieta che ne è ricca è la migliore: idrata l’organismo, lo arricchisce di vitamine indispensabili, come la vitamina C, la vitamina A e vitamina E, per esempio, e dispensa minerali e acidi preziosi. Diuretica e idratante, è anche alcalinizzante, protegge dai radicali liberi, previene malattie cardiovascolari, come l’ipertensione arteriosa,  aiuta la cicatrizzazione delle ferite e a controllare la pressione arteriosa, migliora la risposta dell’organismo in caso di raffreddori e influenze, fortifica le difese immunitarie, e ancora abbassa il colesterolo e facilita l’assorbimento del ferro, soprattutto quella ricca di vitamina C. La presenza di antocianine, potenti antiossidanti in grado di bloccare l’accumulo di depositi lipidici nelle arterie, rende la frutta estiva, come le fragole, ancora più importante da un punto di vista nutrizionale. In poche parole: zero colesterolo e grassi, più vitamine, sali minerali e preziosi antiossidanti grazie a melone, anguria, fragole, ciliegie, pesche, albicocche e susine.

Sì a verdure e frutta di stagione e ad alimenti leggeri

Oltre all’assunzione diretta di acqua, ci sono molti cibi di stagione che risultano essere particolarmente indicati per il periodo estivo perché ci aiutano a controllare la pressione arteriosa alta e la ritenzione idrica, ad assumere ulteriori liquidi, ad assumere vitamine ed a reintegrare ulteriori sali minerali persi con la sudorazione.

Cibi come rucola, cipolla, lattuga e sedano aiutano a sgonfiare e a diminuire la ritenzione idrica; meloni, albicocche e pesche contengono precursori della vitamina A, molto importanti per proteggere la nostra pelle e il nostro organismo dai dannosissimi raggi UV. Gli stessi pomodori sono una verdura molto consigliata per il periodo estivo: contengono vitamina C, sono molto dissetanti e data la presenza del licopene ci proteggono dalla luce del sole e dall’osteoporosi.

Sono da evitare assolutamente i cibi molto ricchi di sale come formaggi stagionati, salumi, mentre il pesce (ottimo per l’assunzione indiretta di acidi grassi essenziali, vitamine e minerali preziosi) e la carne bianca (assunta anch’essa con parsimonia) rappresentano ottimi alleati per quanto riguarda l’apporto proteico.

Per quanto riguarda invece l’apporto di carboidrati si consiglia di preparare insalate di riso, orzo o farro condite con pomodorini, zucchine, cipolla (in aggiunta tonno al naturale) ed erbe aromatiche, che aiutano sia a rimanere leggeri sia ad assumere i giusti nutrienti, senza però rinunciare al gusto.

Inoltre, data la varietà e la numerosità di frutta e verdura che la stagione estiva ci offre, la cosa migliore sarebbe assumere tali alimenti in forma cruda conditi magari con delle erbe aromatiche evitando così l’aggiunta di sale, in accompagnamento ad un cucchiaino di olio extravergine di oliva, aggiunto rigorosamente a crudo.

Uno yogurt magro, in associazione con un frutto, può essere considerato un valido sostituto per un pasto veloce, consumato magari sotto l’ombrellone.

Controllare la pressione arteriosa è facile, basta seguire alcuni accorgimenti, iniziamo a mangiare leggero e sano!

 

Bibliografia scientifica di riferimento di seguito: