Pressione sistolica alta: abbassarla con la canapa

512

Molti hanno la pressione sistolica alta e cercano metodi naturali per abbassarla. Sono diversi gli studi che evidenziano come la canapa sia ricca di benefici per la nostra salute. È stato inoltre dimostrato che diventa una vera e propria alleata della nostra salute, aiutandoci a prevenire le malattie cardiovascolari.

Condimento che aiuta la nostra salute

L’olio di canapa o i semi di canapa oltre ad essere eccellenti fonti di acidi grassi polinsaturi contengono anche tutti gli amminoacidi essenziali, che ci aiutano a mantenerci in buono stato di salute. L’olio di canapa viene estratto per spremitura a freddo dei semi che si formano dai fiori. Di gusto gradevole può essere usato a crudo come condimento. La canapa è ricca di antiossidanti che come sappiamo intervengono in modo attivo sull’azione negativa svolta dai radicali liberi. Oltre a mantenere in salute il nostro cuore, abbassando i livelli di pressione arteriosa e di colesterolo cattivo, contrastano l’invecchiamento delle cellule e dei tessuti. La canapa svolge un’ottima attività nel controllo dell’ipercolesterolemia, e molti studi dimostrano anche che ha un potere ipotensivo e antiossidante.

Lo studio sulla pressione sistolica alta

Uno studio ha messo in relazione l’ipertensione cronica con lo stress ossidativo, patologia causata da un mal funzionamento dei sistemi di difesa antiossidante. L’esperimento è stato svolto su ratti ipertesi ed è stato evidenziato che lo stress ossidativo è significativamente superiore nei ratti che non venivano alimentati con farina di semi di canapa, dimostrando una ridotta difesa antiossidante rispetto ai ratti alimentati con farina di semi di canapa.

Inoltre, uno studio effettuato su una popolazione di ratti ipertesi ha permesso di valutare gli effetti della farina di semi di canapa sulla pressione sistolica alta. Dallo studio è emerso che affiancare la farina di semi di canapa alla dieta dei ratti in fase pre-ipertensiva, permetteva di attenuare l’aumento della pressione sistolica. In questo caso i ratti che assumevano farina di semi di canapa mostravano valori di pressione sistolica intorno ai 120 mmHg.

Allo stesso modo, è stata somministrata per 4 settimane una dieta che conteneva farina di semi di canapa a una popolazione di ratti adulti ipertesi. In questo campione di topi è stata rilevata una significativa riduzione della pressione arteriosa sistolica, arrivando ad un valore di circa 119 mmHg contro i 150 mmHg dei topi che non assumevano farina di semi di canapa. Inoltre si è riscontrato che i livelli di renina e angiotensina plasmatici risultavano inferiori per coloro che avevano assuno farina di semi di canapa.

Lo studio ha quindi dimostrato come i semi di canapa possano aiutarci a prevenire e combattere le malattie cardiovascolari, in particolare, risulta essere un rimedio naturale per ridurre la pressione arteriosa.

L’uso quotidiano di olio di canapa o della farina di semi di canapa può prevenire in buona parte la progressione dell’aterosclerosi agendo direttamente sui fattori di rischio. Sono molte infatti le proprietà benefiche offerte dalla canapa, contribuisce a elasticizzare le pareti dei vasi aiutandoci a mantenere bassi i livelli di pressione arteriosa sistolica.

Bibliografia scientifica di seguito: