Malattie vascolari e danni al cuore con bevande gassate ipocaloriche

412

Aumenta il rischio di malattie vascolari con bevande gassate ed ipocaloriche

Bevande gassate ipocaloriche, vengono spesso consigliate nelle diete, ma una recente ricerca ha dimostrato che queste bevande hanno l’effetto opposto e  causano sovrappeso o obesità. L’alto contenuto di acido nelle bevande gassate, prosciuga il calcio e altri nutrienti essenziali dalle ossa e dai tessuti, aumentando in modo significativo il rischio di malattia, dopo anni di consumo. I ricercatori provenienti dal Wellness Institute di Cleveland Clinic e dalla Harvard University, hanno riportato il risultato di uno studio sulla rivista Journal of Clinical Nutrition, il primo ad esaminare l’effetto del sodio su rischio di ictus e malattie vascolari. Studi precedenti hanno collegato il consumo di bevande zuccherate con l’aumento di peso, diabete, pressione alta, colesterolo alto, la gotta e la malattia coronarica, ma la ricerca attuale ha implicato il consumo di bibite gassate con un aumento del rischio di malattia e aumento di peso, a causa del depauperamento di minerali essenziali. Il consumo di bevande gassate è stato associato ad un aumento del rischio di infarto del 43%. L’autore dello studio, il dottor Adam Bernstein ha osservato “la soda rimane la principale fonte di zuccheri nella dieta … quello che stiamo cominciando a capire è che l’assunzione regolare di queste bevande scatena una reazione a catena nel corpo che può potenzialmente portare a molte malattie , tra cui l’ictus”. I ricercatori hanno analizzato il consumo di soda tra 43.371 uomini e 84.085 donne, in un arco di tempo di quasi 30 anni. Questo studio sottolinea i rischi inerenti il consumo di bevande analcoliche  zuccherate e non caloriche. Bevande zuccherate contengono livelli elevati di glucosio che portano ad un rapido aumento della glicemia e insulina. Nel tempo, questo provoca intolleranza al glucosio, resistenza all’insulina e infiammazione sistemica. Inoltre, dolcificanti artificiali di tutti i tipi modificano la nostra chimica digestiva e l’equilibrio ormonale, con conseguente aumento di peso e instabilità metabolica. L’assunzione di bevande analcoliche ha anche dimostrato di depauperare il calcio dalle ossa, poiché il nostro corpo cerca di compensare l’elevato carico acido consegnato dal contenuto di acido fosforico nella bevanda. Il risultato finale è più rischio di osteoporosi, ictus e malattie cardiovascolari.
“Lo studio ha fatto notare che il consumo di caffè è stato associato ad  un dieci per cento più basso di rischio di ictus, rispetto al consumo di bevande zuccherate. I ricercatori suggeriscono di sostituire il consumo di bevande gassate, con una tazza di tè verde ricca di antiossidanti o caffè, per ridurre in modo significativo i rischi di ictus e malattie vascolari. Il consumo di bevande gasate e zuccherate (anche le cosiddette bevande dietetiche o ipocaloriche che contengono dolcificante anziché glucosio) aumentano il rischio cardiometabolico. Molti studi mostrano che vi è una forte correlazione tra assunzione di bevande zuccherate e sviluppo di grasso viscerale, mentre le bevande dietetiche sono correlate a un aumentano dell’adipe sottocutaneo. L’adiposità addominale, soprattutto l’adipe viscerale, è correlato all’insorgenza di diabete mellito e malattie cardiovascolari. Infatti la misura della circonferenza addominale da una stima molto più reale del rischio cardiovascolare rispetto al peso.
In uno studio pubblicato su Metabolism si evidenzia la relazione tra il consumo di soda e il rimodellamento cardiaco, in particolar modo nello studio si prende in esame la massa del ventricolo sinistro e le dimensioni dell’atrio sinistro in una popolazione di mezza età. Si è scoperto che i consumatori di soda, rispetto ai non consumatori, tendono ad avere un indice di massa corporea (BMI) più elevato, tendono a sviluppare un aumento delle dimensioni dell’atrio sinistro (condizione che favorisce l’insorgenza di fibrillazione atriale, aritmia che se non trattata può portare all’ictus ischemico), mentre si è scoperto che le persone che consumano bevande dietetiche tendono a sviluppare un incremento della massa del ventricolo sinistro (ipertrofia ventricolare con tutto ciò che ne consegue, ovvero ipertensione arteriosa, vari tipi di aritmie ventricolari), cosa che invece non viene segnalata per i consumatori di soda contenente glucosio.

Scarica l’App gratuita per gestire la pressione

Download di AMICOMED per abbassare la pressione arteriosadownload AMICOMED per abbassare la pressione arteriosa

 

Bibliografia scientifica: