Ipertensione e sport: sport sì o sport no

245

Ipertensione e sport: possono essere compatibili?

Sport si è la soluzione e l’esercizio fisico consigliato è di tipo aerobico, quindi marcia, corsa, bici, sci di fondo e può essere fatto sia all’aperto sia in palestra. “Soffro di ipertensione arteriosa che sto curando con alcuni farmaci. Sono anche in sovrappeso e ho il colesterolo leggermente alto. Il medico continua a dirmi che, oltre alla dieta senza grassi, con poco sale e meno calorie, mi farebbe bene l’attività fisica. Sono, però, un po’ pigro”. Quante volte abbiamo pronunciato questa parola pigro. È ora di metterci al lavoro, perché diversi studi clinici hanno dimostrato che contro l’ipertensione lo sport è paragonabile a un vero e proprio farmaco in grado di ridurre sia  i valori della pressione sistolica e diastolica in misura clinicamente rilevante, sia la mortalità per tutte le cause. Gianfranco Beltrami, docente Corso di Laurea in Scienze Motorie, Università Parma ribadisce l’importanza di abbinare a una terapia farmacologica, una corretta alimentazione, un controllo del peso e a un idoneo stile di vita. “Come ogni farmaco che si rispetti -dice il docente- anche l’attività fisica deve essere prescritta in maniera corretta, non deve essere sotto-dosata, perché risulterebbe poco efficace, e soprattutto non deve essere sovra-dosata, perché potrebbe avere, come ogni medicina, effetti collaterali sfavorevoli”. Per questo motivo prima di iniziare gli allenamenti si consiglia di effettuare un elettrocardiogramma con un test da sforzo per evidenziare eventuali alterazioni o sintomi legati all’esercizio. Una persona affetta da ipertensione deve quindi svolgere dello sport, ed effettuare sessioni di allenamento almeno tre volte a settimana, svolgendo attività di tipo aerobico all’aria aperta o in palestra, che abbiamo durata minima di variabile da 30 a 60 minuti nel corso della giornata (la sessione può essere suddivisa in periodi di 10-15 minuti) a un’intensità abbastanza sostenuta. Il professor Beltrami inoltre consiglia di evitare un allenamento con pesi molto elevati, che potrebbero portare un innalzamento della pressione arteriosa, ed esercizi in cui la posizione della testa è più bassa di quella del cuore. A questo punto ci mancano solo un paio di scarpe adatte e siamo pronti per iniziare a stare meglio.

Per leggere l’articolo originale clicca qui