Inquinamento atmosferico: ecco le regole anti smog

167

Per la Società italiana di igiene bisognerebbe agire in sinergia, anche il singolo cittadino può intraprendere azioni per difendersi dai rischi sanitari dell’inquinamento atmosferico, soprattutto quello che si verifica a breve termine che può avere ricadute sull’apparato respiratorio e sul sistema cardiovascolare. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che un decesso su otto possa essere legato all’inquinamento atmosferico e si pensa che nel 2050 proprio polveri sottili e inquinanti atmosferici saranno la prima causa ambientale di mortalità. È per questo che i cardiologi di tutto il mondo stanno studiando il legame fra l’esposizione ai particolati presenti nell’atmosfera e le diverse patologie che colpiscono il sistema cardiocircolatorio.

Ecco dei piccoli comportamenti che potrebbero aiutare a ridurre i rischi causati dall’inquinamento atmosferico:
1 – Attenzione a dove si svolge attività fisica
Le lunghe esposizioni all’aria aperta nelle aree inquinate sono pericolose per la salute. Le attività fisiche e sportive in questi casi moltiplicano il pericolo perché aumentano anche di 10-20 volte il ritmo respiratorio. Per questo motivo consigliamo di effettuare le sessioni sportive in luoghi meno inquinati o al chiuso.
2 – Bambini sono più a rischio
Nei passeggini in città, a 30-50 cm dal suolo, c’è la più alta concentrazione di inquinanti. Evitare quindi lunghe passeggiate con i bambini nelle aree a maggior traffico. Meglio i parchi e, per chi se lo può permettere, qualche giorno al mare o in montagna.
3 – Anziani e donne in gravidanza più a rischio
Secondo gli esperti oltre ai bambini le precauzioni individuali devono essere applicate con il massimo rigore anche agli anziani, alle donne in gravidanza, a coloro che manifestano affezioni respiratorie e cardiache (quindi anche a ci soffre di ipertensione arteriosa o ha avuto infarti, ictus) e in generale ai malati cronici. Per questi ultimi il consiglio è, se possibile, di evitare le aree inquinate.
4 – Fumo e inquinamento miscela esplosiva
Come abbiamo più volte spiegato il primo nemico delle malattie cardiovascolari è il fumo, che innalza anche i livelli di pressione arteriosa. Le sigarette peggiorano la situazione per chi le fuma e anche per chi le circonda. Ci sono studi che legano i danni dell’inquinamento atmosferico alla sinergia con il fumo di sigaretta.
5 – Nell’abitacolo dei veicoli ricircolo dell’aria
Azionare gli appositi impianti di ricircolo dell’aria (quasi tutti i veicoli ne sono provvisti) durante la circolazione in aree urbane inquinate, specie quando si è in coda o in gallerie, per il tempo strettamente necessario e in questi casi bisogna assolutamente evitare di fumare in auto.

Ecco delle piccole accortezze che possiamo osservare per cercare di ridurre l’esposizione all’inquinamento atmosferico. È importante che ciò avvenga visto che in Italia si registra un elevato numero di morti premature dovute all’inquinamento e alle polveri sottili, soprattutto nelle grandi città.

 

Bibliografia scientifica di seguito: