Quando le ghiandole sono la causa della pressione alta

480
undefined

Una causa della pressione alta viene riconosciuta alle ghiandole (causa endocrina) nel 5%-10% dei casi. Le ghiandole endocrine che possono comportare uno stato ipertensivo e che devono essere studiate nell’iter diagnostico dell’ipertensione arteriosa sono: surrene e tiroide. Le ghiandole surrenaliche sono situate sul polo superiore dei reni. Il surrene è costituito da una zona corticale ed una zona midollare. La disfunzione di entrambe queste zone può portare all’ipertensione arteriosa. La zona corticale produce ormoni quali aldosterone e cortisolo. L’iperaldosteronismo, produzione eccessiva di aldosterone, ormone prodotto dalla corticale del surrene, è la forma più frequente di ipertensione arteriosa a origine endocrina. Si accompagna ad ipopotassiemia, debolezza muscolare e poliuria. È causato nel 70% dei casi da un adenoma surrenalico, cioè da un nodulo della corticale della surrene che produce eccesso di aldosterone, nel 30% dei casi da iperplasia surrenalica bilaterale. La diagnosi si basa sul dosaggio dell’aldosterone plasmatico ed urinario che risultano particolarmente elevati. RMN o TAC dei surreni ne confermano la causa. La terapia può essere chirurgica nell’adenoma oppure medica, mediante farmaci antialdosteronici ed antiipertensivi, nell’iperplasia surrenalica. L’ipercortisolismo, produzione eccessiva di cortisolo, ormone prodotto dalla corticale del surrene, è una causa endocrina di ipertensione arteriosa che fa parte della più complessa S di Cushing. La S. di Cushing oltre che da ipertensione arteriosa è caratterizzata da: obesità, facies lunare e strie rubre (smagliature della pelle). Può essere causata da un adenoma ipofisario secernente ACTH, ormone che stimola la corticale del surrene inducendo un’eccessiva produzione di cortisolo, in questo caso si parla più precisamente di Morbo di Cushing, oppure da un adenoma o da un carcinoma del surrene. La diagnosi si basa sul dosaggio della cortisolemia che risulta elevata con ACTH alto nel Morbo di Cushing o con ACTH basso nella Sindrome di Cushing. RMN o TAC della sella turcica o dei surreni confermano la diagnosi. La terapia è chirurgica e si basa sull’asportazione con microchirurgia transfenoidale dell’adenoma ipofisario nel M. di Cushing o sull’asportazione del tumore surrenalico nella S. di Cushing. La zona midollare del surrene è costituita da cellule cromaffini secernenti catecolamine. Una iperproduzione di catecolamine (adrenalina e noradrenalina) è causa di ipertensione arteriosa a origine endocrina, è il caso del feocromocitoma che è un tumore in genere benigno delle cellule cromaffini, la terapia in questo caso è puramente chirurigca.

Di seguito gli articoli scientifici: