Eventi cardiovascolari ed energy drink

200

Bere energia non è la miglior scelta

Il consumo di bevande energetiche è stato associato a gravi eventi cardiovascolari verosimilmente legati alla caffeina e altri stimolanti. In un recente studio pubblicato sul Journal of American Medical Assosiation i ricercatori hanno dimostrato che bere una bevanda energetica disponibile in commercio a fronte di una bevanda placebo, aumenta la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca negli adulti sani a riposo e in risposta allo stress mentale e fisico e che questi cambiamenti emodinamici sono associati all’attivazione simpatica, che potrebbe predisporre al rischio di eventi cardiovascolari.
I ragazzi che abitualmente non consumano caffeina hanno mostrato un aumento considerevole della pressione arteriosa dopo il consumo di una bevanda energetica disponibile in commercio, a fronte di una bevanda placebo. È quanto scoperto dai ricercatori della Mayo Clinic a Phoenix in Arizona.
I risultati dello studio sono stati presentati presso la Sessione Scientifica Annuale dell’American College of Cardiology. Per arrivare a tale conclusione, i ricercatori hanno fatto bere alternativamente una lattina di una bevanda energetica disponibile in commercio oppure una bevanda placebo a 25 adulti sani, di età tra i 19 e i 40 anni, e hanno poi valutato i cambiamenti dei livelli di pressione arteriosa e della frequenza cardiaca.  Questi due parametri sono stati registrati prima e 30 minuti dopo il consumo di bevanda energetica/placebo.
Successivamente i risultati ottenuti sono stati confrontati con quelli di persone che consumavano meno di 160 mg di caffeina al giorno, ovvero la quantità che spesso troviamo in una tazzina di caffè, e gli utenti abituali di caffeina, cioè coloro che consumano regolarmente più di 160 mg di caffeina al giorno. Una prima indagine ha mostrato che tutti i partecipanti hanno subito un marcato aumento della pressione arteriosa dopo aver consumato la bevanda energetica rispetto al placebo. In più, i ricercatori hanno scoperto che l’effetto è stato drammatico nelle persone che non consumavano molta caffeina.
Nel complesso, l’aumento della pressione sanguigna è stato più che doppio nel gruppo di soggetti che consumano meno di 160 mg di caffeina al giorno. “Sappiamo che il consumo di Energy Drink è molto diffuso e in continuo aumento tra i giovani. Ma le preoccupazioni circa la sicurezza sanitaria di queste bevande sono già state sollevate in diverse occasioni. Noi della comunità scientifica abbiamo già dimostrato che le bevande energetiche aumentano di molto i livelli della pressione del sangue”, ha detto Anna Svatikova, Cardiologo presso la Mayo Clinic di Phoenix in Arizona, “Siamo preoccupati per i giovani che non sono abituati alla caffeina. Per questo tipo di popolazione sono in corso già diversi studi per comprenderne il meccanismo. I consumatori dovrebbero prestare attenzione quando usano bevande energetiche. Il rischio di eventi cardiovascolari tra cui l’insorgere dell’ipertensione arteriosa, specie tra i giovani, è piuttosto concreto”.

 

Bibliografia scientifica di seguito: