Cioccolato e pressione alta

482

Cioccolato e pressione alta? Golosi niente paura, il cioccolato fondente può essere mangiato, anche se in piccole quantità!

Diversi studi evidenziano come il cioccolato possa essere utile non solo all’umore, ma anche al nostro cuore, intervenendo positivamente per far sì che tutto funzioni nel modo migliore.
Innanzitutto è necessario fare una distinzione tra cioccolato fondente e al latte o bianco. L’effetto benefico è stato fino ad ora riconosciuto solo al cioccolato fondente, quindi, se soffrite di ipertensione o sindrome metabolica, non lasciatevi tentare dal cioccolato al latte o da quello bianco.
Il cioccolato fondente è considerato un alleato se mangiato a piccole dosi, al contrario se si tende a esagerare, essendo ricco di grassi e zuccheri, può essere causa di aumento di peso, dell’innalzamento dei livelli di pressione arteriosa e del colesterolo cattivo nel sangue.
Il segreto è quindi farne un consumo controllato, così come consigliano le linee guida, se si esagera come in tutte le cose si otterrà solo un risultato negativo. Qual è dunque la quantità da non superare? La dose corretta sembra essere quella di 40 g di cioccolato fondente (almeno 70%) al giorno, non di più.

Lo studio sull’associazione tra cioccolato e pressione alta

Uno studio condotto da ricercatori olandesi ha voluto indagare l’associazione tra cioccolato e pressione alta. Questo è stato pubblicato sugli Archives of Internal Medicine e ha preso in considerazione 470 uomini di età compresa tra i 65 e gli 84 anni tenuti sotto osservazione per 15 anni. Dallo studio è emerso che coloro che consumavano cacao in modo controllato e costante avevano un tasso inferiore di mortalità precoce dovuta alle malattie cardiovascolari. Inoltre i soggetti che assumevano regolarmente cacao avevano livelli più bassi di pressione arteriosa e una minore predisposizione di incappare in eventi cardiovascolari anche gravi come infarto, ictus e danno d’organo. L’azione di prevenzione contro le malattie cardiovascolari svolta dal cacao e quindi dal cioccolato fondente, che ne contiene molto, sarebbe dovuta all’elevato contenuto di antiossidanti, in particolare flavonoidi. Gli antiossidanti sono molto importanti per il mantenimento del nostro stato di salute e per la prevenzione e il contrasto delle malattie cardiovascolari. Queste sostanze infatti combattono l’azione negativa svolta dai radicali liberi che oltre all’invecchiamento cellulare aumentano il rischio di incappare in malattie cardiovascolari, infatti innalzano i livelli di pressione arteriosa. Bisogna però porre attenzione anche alla qualità del cioccolato, infatti il processo con il quale viene prodotto riduce la quantità di flavonoidi in esso presenti, riducendone quindi gli effetti benefici.

Se soffrite di ipertensione un pezzetto di cioccolato ogni tanto non fa male, l’importante è che sia fondente. Con questo vi auguriamo buona pasqua e vi consigliamo di non esagerare con le uova. Un goloso amico per il nostro cuore, il cioccolato ci aiuta a prevenire e combatte le malattie cardiovascolari come l’ipertensione arteriosa.
Bibliografia scientifica di seguito: